Società Valsesiana di Cultura

de Valle Sicida: elenco cronologico dei numeri Anni XV - XXI




Anno XV, 2004

Donne di montagna donne in montagna. Atti del convegno, Varallo 19-20 ottobre 2002

P. Frigerio  - G. Margarini , Donne di montagna: un matriarcato della fatica?, pp. 7-40.

A. Papale , “Ago, conocchia, gerlo e campagna”. La donna della montagna valsesiana nei censimenti e testamenti dell’età napoleonica, pp. 41-92.

B. Beccarla , Credenze, superstizioni, ritualità nelle valli della Diocesi di Novara fino al XVI e XVII secolo - Dalla persistenza del paganesimo nell’alto medioevo alle superstizioni come relitti dello stesso nel basso Medioevo e nell’epoca moderna, pp. 93-140.

C. Debiaggi , Una pittrice valsesiana alla Corte di Torino nel XVIII secolo: Angela Maria Palanca, pp. 141-160.

F. Tonella Regis , I figli esposti: drammi della maternità in una valle di emigranti, pp. 161-270.

E. Ballarè , Immagini di donne valsesiane nei ritratti del XVIII e XIX secolo, pp. 271-288.

P. Mazzone , Presenze femminili nell’Almanacco valsesiano e nell’Almanacco Guida della Valsesia XIX e XX secolo, pp. 305-332.

F. Dessilani , Madre Clotilde Verno e le origini della Congregazione delle Orsoline del S. Monte di Varallo, pp. 333-342.

B. Paltro , Le valsesiane raccontate da Giambattista Bazzoni, XIX secolo, pp. 343-350.

G. Gagliardini – D. Pomi , Le sante nella devozione femminile in Valsesia dal tardo Medioevo al Settecento, pp. 351-400.

P. G. Longo , La “carne di Cristo” Beata Panexia e santità femminile di fine Medioevo, pp. 401-410.

S. Beccarla , La montagna: scelta di continuità o di rottura? Le donne della Certosa di Buonluogo, XIII secolo, pp. 411-426.

M. Sasso , Maria Giacinta Zanzani Canavese. “Maestra in montagna, maestra di montagna”, pp. 427-438.

J. Santich , Maestra in montagna: dall’Adriatico in Valsesia, pp. 439-444.

A. Regis , Wanda Canna staffetta partigiana, pp. 445-452.

D. Dell’Occhio , Studentessa e staffetta partigiana, pp. 453-458.





Anno XVI, 2005

M. Bonola , I fratelli Rolandi di Quarona (Valsesia)-Giambattista (1787-1825) e Pietro (1880-1863) editori e librai a Londra – Una storia internazionale, pp. 5-8.

S. Caldano , Architettura religiosa tardoromanica in Valsesia. San Gaudenzio a Varallo e San Giorgio a Valduggia, pp. 9-36.

C. Debiaggi , Ipotesi su Giovanni da Varallo pittore del Cinquecento, pp. 37-42.

A. Papale , Documenti relativialle strutture della comunità di Prato nei secoli XVI e XVII, pp. 43-69.

P. R. Zacquini , Cappella della Madonna del Pianello “Madonna del Buon Consiglio”, pp. 71-78.

M. Caldera – M. Dell’Omo , Un recupero per il catalogo di Giovanni Antonio De Groot – Novità e conferme del restauro dei Misteri del Rosario nella Collegiata di Varallo, pp.79-92.

M. Bonola , Un confine invisibile – L’inchiesta napoleonica sulla comunitàwalser in alta Valsesia (1806-1812), pp.93-128.

E. Ballaré , I Belli di Mollia – Storia di una fortuna valsesiana e di una casa simbolo, pp. 129-157.

E. Mongiat , Il nobile Collegio Caccia e i pittori valsesiani, pp. 159-228.

M. G. Passino Cappellaro , Insegnare ed educare: il Collegio di Don Marco Zenone, parroco di Doccio, pp. 229-251.

F. Tonella Regis , Gli allievi di Alessandro Gilardi: note biografiche e professionali, pp. 253-284.

C. Ghiraldello , Scoperte a Pray Biellese, pp.285-300.

M. M. Vecchio , Per un’interpretazione antropologica de La carcoforina: appunti e testimonianze, pp. 301-312.

P. G. Longo , “Sperando ritorni con buone notizie e con lavoro per me”: la Tipografia Testa a Varallo Sesia e Piero Gobetti (20 giugno 1924-25 dicembre 1925), pp. 313-338.

A. Chiodo , Tre forestieri a Vercelli: Giorgio Albertini, Giovanni de Wespin e Ortensio Crespi, pp. 339-342.

Vivere in alta Valle – Intervista a Vittoria Perello – Borgosesia, marzo 2001, a cura di M. Sasso, pp. 343-348.

Custodire le memorie – Intervista ad Adriana Sella – Quarona, 16 giugno 2006, a cura di F. Cameroni, pp. 349-356.

Dal Veneto alla Valsesia – Intervista a Santa Possamai – Borgosesia, giugno 2006, a cura di M. Sasso, pp. 357-362.





Anno XVII, 2006

Lo scultore Casimiro Debiaggi a centocinquant'anni dalla nascita (1855-2005),  Atti del Convegno 10 settembre 2005

W. Canavesio , Le opere e i giorni di Casimiro Debiaggi, pp. 11-44.

C. Debiaggi , Ricordi personali e la committenza, pp.45-60.

E. Mongiat , Il Collegio Caccia e la formazione dell’artista, pp.61-72.

O. Mellonari , Gli studi di scultura a Torino nel primo Novecento, immagini e presenze. Lo studio di Debiaggi, pp. 73-84.

F. Morgantini , Casimiro Debiaggi  e la scultura di genere, pp. 85-104.

E. Ballarè , Casimiro Debiaggi ritrattista, pp. 105-128.

A. Dato Caporale , La scultura funeraria del Debiaggi, pp. 129-150.

P. Mazzone , Poesie celebrative dell’artista e di sue opere, pp. 151-168.

C. D. , La gipsoteca in allestimento, pp.169-172.





Anno XVIII, 2007

G. Saglio , Giovanni Turcotti, alpinista del pensiero e filosofo della montagna, pp. 7-24.

S. Caldano , Rocca nel Medioevo – La chiesa di San Martino, pp.25-50.

A. D’Alfonso , Rocca nel Medioevo – Il castello dei Barbavara, pp. 51-76.

P. Angeleri , Sugli affreschi quattrocenteschi della chiesa di San Marco a Varallo, pp. 77-100.

C. Debiaggi , Le famiglie nobili valsesiane, pp. 101-124.

A. M. Marchetti Grasso , San Marco a Boccioleto: note su un oratorio di campagna, pp. 125-146.

P. G. Longo , Il San Francesco di Tanzio nella chiesa parrocchiale di Borgosesia, pp. 147-170.

F. M. Ferro , Precisazioni sulla Cappella Gibellini di Borgosesia e riflessioni attorno al segreto di un altare ligneo, pp. 171-178.

G. Sitzia , L’altare del Crocifisso nella parrocchiale di Campertogno, pp. 179-216.

E. Gruppallo , La collezione grafica della Pinacoteca di Varallo. Disegni per la grande decorazione tardo barocca in Valsesia, pp. 217-250.

F. Bognetti , Giacinto Calderara. Organista e maestro di cappella borgosesiano nella cattedrale di Asti (Casale 1729-Asti 1803), pp. 251-256.

M. M. Vecchio , Un poemetto, un Santo, un antico borgo, pp. 257-304.

M. Sasso , Breve indagine documentaria: lo stato delle anime della Parrocchia di Scopello. 1749, pp. 305-316.

F. Cameroni , Storie di acqua e di fuoco nel territorio di Quarona, pp. 317-358.

F. Tonella Regis , L’altro volto dell’emigrazione: “lo sgraziato caso occorso a Siro Rolandi”, pp. 359-376.

E. Ballarè , Alessandro e i fratelli Gilardi scultori: prime annotazioni storico-critiche sulla formazione e sull’opera in Valsesia, pp. 377-402.

M. G. Cagna , La trasformazione urbanistica del borgo di Varallo: scomparsa e decadenza degli edifici di culto, pp. 403-438.

E. Mongiat , Il pensionato “Caccia” e gli scultori valsesiani: aggiornamenti archivistici, pp. 439-478.

R. Ottone , Valsesiani all’estero. Clelia Ottone, pittrice, grafica e scenografa, pp. 479-484.

E. De Filippis , La fontana della piazza di ingresso al Sacro Monte di Varallo, pp. 485-494.

F. Tonella Regis , “Tieni le mie lettere: forse non sarà cosa strana leggerle”. Mario Tancredi Rossi, 90 anni dopo, pp. 495-512.





Anno XIX, 2008

Lo scultore Alessandro Gilardi e gli artisti del legno dalla Valsesia alla Savoia. Atti del convegno 7 ottobre 2006.

F. Tonella Regis , Restituire le voci del tempo, pp. 7-14.

P. Sibilla , Mutamenti culturali e ruoli dell’emigrazione, pp. 15-20.

A. Papale , Materiali sull’emigrazione valsesiana in Valgrande. Nel particolare: Campertogno e Pila, pp. 21-40.

C. Debiaggi ,  Artigiani e artisti valsesiani del legno oltre la Valle, pp. 41-54.

F. Dessilani , Alcuni documenti sui Gilardi di Campertogno tra ‘400 e ‘500, pp. 55-62.

E. Mosca , L’attività degli intagliatori Gilardi nel XVIII secolo, pp. 63-116.

F. Tonella Regis , La famiglia Gilardi in Valsesia. Chi va e chi resta, pp. 117-240.

A. Bogey-Rey , Le maître–autel de l’église de Montsapey, expression d’une profonde identité villageoise, pp. 241- 248.

A. Bogey-Rey , La famille Gilardi en pays de Savoie, pp. 249-266.

E. Ballarè , Note sulla vicenda artistica dei fratelli Gilardi tra Savoia e Valsesia. Formazione e riferimenti culturali, pp. 267-294.

M. Perotti – D. Pomi , Il significato storico e culturale dell’arte sacra dell’Ottocento, pp. 295-298.

P. G. Longo , Legislazione sinodale savoiarda e arte sacra in età di Restaurazione, pp. 299-308.

M. G. Cagna , L’epistolario Gilardi, pp. 309-480.

Appendice e documenti, pp. 481-493.





Anno XX, 2009

Sesia. Storia e storie di fiume, Atti del convegno , 22 novembre 2003

R. Dipak Pant , Il futuro dell’acqua, pp. 5-10.

G. Gagliardini , Il rito battesimale alle radici della fede cristiana: testimonianze materiali sul territorio valsesiano dalle origini al tardo medioevo, pp. 11-30.

O. Maglione , Ponti in pietra in Valsesia: tecniche e sistemi costruttivi, pp. 31-44.

C. Debiaggi , Giovanni Maria Catlinetti e il ponte sospeso di Isolella, pp. 45-54.

E. Ballarè , Montagne, acque e antichi ponti. Elementi del paesaggio alpestre nella rappresentazione iconografica e nella vita valsesiana, pp. 55-72.

G. Gagliardini , Acque che separano, ponti che uniscono nella storia del territorio borgosesiano, pp. 73-84.

M. L. Ronco , Acque: un pericolo incombente o una risorsa da proteggere? Il caso del Vercellese nei secoli XVII e XVIII, pp. 85-96.

P. Mazzone , I ponti valsesiani antichi e moderni. Elementi del paesaggio alpestre nella rappresentazione iconografica e nella vita valsesiana, pp. 97-112.

P. Mazzone , Un ricordo di Giuseppe Mazzia, imprenditore che fece fortuna in Francia ma non dimenticò il suo paese natale, pp. 113-126.

F. Cameroni , La forza idraulica nella prima industrializzazione. Un esempio pratico in Varallo, pp.127-142.

F. Tonella Regis , I ponti di san Giacomo. Antropologia, sacralità, simbolo di una struttura materiale, pp. 143-178.

R. Fantoni , I mulini ad acqua nella Valsesia tardomedievale, pp. 179-200.





Anno XXI, 2010

C. Cerutti , S. Daffara , M. Fornara , G. Gallo , G. Usellini, S. Viola , Il masso “dello Stefanin”: nuovi dati “incisi” e lo stato dell’arte in Valsesia, pp. 5-16.

E. Bernardi , Note su Gaudenzio Ferrari tra la Valsesia e la Valtellina, pp. 17-38.

S. Bruno , M. Caldera , D. Minonzio , Divulgazione e persistenza dei modelli gaudenziani: novità, problemi e proposte per l’atelier dei Cavallazzi tra Valsesia e Valle d’Aosta,  pp. 39-76.

P. Angeleri , La chiesa di San Marco a Varallo, pp. 77-96.

I. Uglietti , L’oratorio dell’Assunta e di San Rocco a Rasco di Valduggia: contributi e nuove indagini, pp. 97-114

E. Rame , G. M. Della Rovere disegnatore: quattro schede Varallesi, pp. 115-128.
 
C. A. M. Burdet , I Bottone di Agliè, poi eredi del titolo di conti di Castellamonte, pp. 129-135.
 
G. Lorandi , Gli oratori dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria e di S. Giulio sul Monte Fenera di Borgosesia, pp. 137-153.

G. Gentile , Diffusione e adattamento di modelli valsesiani tra Valle d’Aosta e Savoia negli altari dell’età barocca, pp.155-170.

M. M. Vecchio , Ragguagli sulla mostra documentaria Blandrati Sacra. Libri, testimonianze archivistiche e paramenti liturgici dal secolo XVII al XIX (Biandrate, Casa parrocchiale, 6-9 agosto 2005), pp.171-188.

F. Tonella Regis , Borgosesia. I Santi spagnoli nell’oratorio dei santi Antonio abate e Stefano protomartire, pp.189-198.

C. Bovio , Un Lorenzo Peracino recuperato: la Deposizione di Cristo di Valduggia, pp. 199-204.

C. Debiaggi , Artisti e artigiani della Valsesia all’Abazia di Hautecombe, pp. 205-218.

G. Federici , Don Pietro Calderini: nuove prospettive di studio, pp. 219-232.

M. R. Monchietto Bognetti , La sèira dij mòrt - “La sera dei morti” di Luigi Pietracqua. Una tenera memoria storica, pp. 233-240.

F. Cameroni, G. Zuccone (3.12.1834 - 2.4.1909), pp. 257-286.

G. Verri , Due scritti valsesiani di Achille Giovanni Cagna: Boccioleto e Valsesia, pp. 287-306.

P. G. Longo , «una scorreria ai monti [della Valsesia] che mi ha ristorato ai capezzoli della terra... quassù dove il compasso del cielo ha per centro il nostro cuore». Il poeta Clemente Rebora e il pittore Bruno Furlotti a Mollia, pp. 307-314.

M. Remogna , Storia di un Fondo librario. Il fondo bibliografico arti stico Remogna presso la Biblioteca “Farinone-Centa” di Varallo, pp. 315-324.

Notiziario 2010, pp. 325.

Notiziario 2011, pp. 326.

Eventi organizzati dalla Società Valsesiana di Cultura per i 150 anni dall’Unità d’Italia, pp. 328.